Press "Enter" to skip to content

Mercati settimana avanti: dollaro USA, euro, S&P 500, petrolio, PIL cinese, PMI globali, Brexit

admin 0

Il rapporto Markets Week Ahead è pubblicato da The Business Day e Bloomberg. Per la prima volta, questo rapporto proviene dalla Borsa di New York.

Questo articolo discuterà di come il dollaro USA è stato forte contro lo yen giapponese, l’Unione europea (nota anche come euro) e il dollaro canadese negli ultimi mesi. Diamo anche uno sguardo alla crescita del PIL cinese, all’euro contro la sterlina britannica e all’S & P 500 contro lo yen giapponese.

Il dollaro USA è stato forte contro lo yen giapponese. Durante lo scorso fine settimana, il dollaro era sceso leggermente contro lo yen giapponese al punto più basso contro lo yen giapponese per un certo numero di mesi.

I mercati Forex sono stati lenti a reagire a questa notizia. Non ha ancora mostrato movimenti notevoli. Il dollaro USA contro l’euro è stato forte, ma è tornato indietro dopo la recente impennata delle ultime settimane. Neanche il dollaro contro il dollaro canadese è stato molto forte.

Il dollaro USA è forte contro lo yen giapponese e la sterlina britannica. Inoltre, è stato forte contro l’economia cinese. D’altra parte, l’euro non è stato così forte, soprattutto rispetto alle ultime settimane. Lo yen giapponese contro la sterlina britannica è rimasto stabile dall’inizio del 2020.

Negli Stati Uniti, la maggior parte dei mercati valutari ha registrato un leggero calo del dollaro nelle ultime settimane, poiché i trader sono alla ricerca di opportunità per acquistare materie prime. Sebbene gli Stati Uniti siano il principale motore dell’economia, alcuni trader vogliono approfittare di una valuta debole per trarre profitto in altre aree.

Ci sono alcuni segnali che il mercato azionario stia approfittando del dollaro più debole. Se c’è stato un calo dei prezzi delle materie prime, la maggior parte delle grandi società riferiscono di fare soldi.

I mercati dovrebbero continuare ad essere attivi durante la seconda metà del 2020 poiché gli investitori continuano a cercare opportunità per trarre profitto dalla debolezza del mercato. Tuttavia, se i mercati tornassero indietro, ciò potrebbe portare a una maggiore pressione di vendita sul dollaro USA contro il dollaro canadese. o l’euro.

D’altra parte, se i mercati salissero, anche il dollaro USA potrebbe trarne vantaggio, in particolare il mercato europeo. L’euro è stato più forte di molte altre valute negli ultimi anni, a causa degli attuali problemi economici della zona euro. Non è una sorpresa che le persone stiano cercando di trasferire i loro soldi in una valuta che sta andando bene.

L’euro è un bene rifugio e potrebbe persino continuare ad essere più forte durante la seconda metà del 2020. Mentre il dollaro USA e la sterlina britannica sono più deboli di quanto lo siano stati di recente.

Se i mercati continueranno a realizzare forti guadagni, è probabile che il dollaro americano rimanga forte fino a gennaio. quando può iniziare a mostrare alcuni segni di debolezza.

Il dollaro USA può essere un vantaggio per il dollaro USA, se può supportare un dollaro più forte contro i suoi principali rivali, in particolare la sterlina britannica e lo yen giapponese. Negli ultimi giorni, il dollaro si è indebolito nei confronti dello yen giapponese.

Inoltre, un dollaro più forte potrebbe tradursi in un mercato più stabile con una minore volatilità nelle notizie sui cambi. Il dollaro è la valuta più importante nel mercato del forex ed è un importante motore del mercato, in quanto è la valuta più grande del mondo in volume.

Di conseguenza, il dollaro più debole rende il mercato dei cambi più forte, il che a sua volta rende più forte il dollaro USA. D’altra parte, se un dollaro forte continua a essere debole, creerebbe un mercato debole e non consentirebbe al dollaro USA di guadagnare terreno.

Ciò significa che il dollaro americano potrebbe continuare a essere forte nel mercato dei cambi ancora per un po ‘, ma potrebbe non rimanere così a lungo. se i mercati iniziano a dare segni di debolezza. in Canada e in Europa.

Nel frattempo, è probabile che l’euro e il dollaro canadese rimangano deboli a causa dei problemi economici nell’Unione Europea e in Giappone, quindi un dollaro USA più forte sarà il più forte in questi due mercati. A lungo termine, l’Unione europea e lo yen giapponese diventeranno più forti.

Comments are closed.