Press "Enter" to skip to content

NZD / USD non riesce a testare il massimo di gennaio in vista dell’occupazione in Nuova Zelanda

admin 0

La coppia NZD / USD è attualmente su un trend ribassista costante e lo è da oltre due settimane. Si prevede che un dollaro australiano forte e un dollaro statunitense più forte porteranno a una maggiore occupazione australiana e agli alloggi australiani. Se l’Australia può sostenere questo forte quadro occupazionale e immobiliare, la coppia NZD / USD tornerà su un forte trend rialzista.

Il governo australiano sta prendendo d’assalto la coppia NZD / USD. Di recente ha annunciato che rilasceranno una previsione NZD / USD. Questo perché credono che la coppia NZD / USD continuerà a scendere contro l’AUD / USD e rischia di indebolirsi ulteriormente rispetto all’USD. Probabilmente annullerà i guadagni ottenuti nelle ultime due settimane.

Con questa forza nella coppia NZD / USD, gli esportatori australiani stanno godendo dei benefici del loro surplus commerciale con l’Australia. Si aspettano un aumento della domanda di prodotti australiani nei prossimi mesi. Si ritiene che la forza della coppia NZD / USD consentirà agli esportatori australiani di mantenere bassa la coppia AUD / USD. Si ritiene che se la coppia NZD / USD si indebolisce contro l’AUD / USD, gli esportatori australiani saranno in grado di aumentare l’AUD / USD e mantenerla. C’è la possibilità che la coppia NZD / USD possa scendere al di sotto della coppia di valute con AUD nei prossimi mesi.

Molti esperti prevedono che in futuro l’Australia sperimenterà una crescita economica significativa. Credono che se l’Australia sarà in grado di mantenere la forte prospettiva occupazionale e immobiliare che ha oggi, la valuta potrebbe essere in grado di mantenere la sua forza.

L’Australia ha prospettive di occupazione molto interessanti. Il tasso di disoccupazione è diminuito costantemente negli ultimi anni e anche la disoccupazione in Nuova Zelanda è in calo.

Una delle più grandi economie del mondo e la seconda in termini di prodotto interno lordo dopo la Cina, l’Australia è un paese con un’economia stabile. L’economia si basa sul settore minerario, che costituisce gran parte della sua economia. Il paese ha anche molti investimenti offshore e ha alcuni dei più alti livelli di investimenti stranieri nel mondo.

Si prevede che l’Australia godrà di una forte crescita nei prossimi anni. A causa del crescente numero di pensionati c’è un grande bisogno di lavoratori qualificati. C’è anche una crescente domanda di alloggi, istruzione e strutture sanitarie. Man mano che vengono creati più posti di lavoro, l’Australia sarà in grado di mantenere forti le prospettive di occupazione e alloggi.

È probabile che l’Australia subisca una lenta flessione della domanda di risorse con la crescita dell’economia. Anche la domanda per le esportazioni di materie prime australiane diminuirà nei prossimi due anni.

Gli Stati Uniti sono diventati uno dei principali esportatori di energia in Australia, rappresentando oltre il 30% del prodotto interno lordo australiano. Il costo del carburante è aumentato notevolmente negli ultimi anni e il governo australiano sta cercando altri modi per ridurre il costo dell’energia.

Con l’aumento del costo del carburante in Australia, il tasso di cambio della valuta del paese dovrebbe scendere. Ci si aspetta che questo porterà a un maggior numero di esportatori australiani che utilizzeranno il dollaro USA invece dell’AUD. il che significa che la valuta australiana sarà più forte contro l’AUD di quanto non sia attualmente.

Nel tempo ci saranno pressioni sul valore del dollaro australiano contro il dollaro statunitense. aumentare, ma questo dipenderà dalla forza dell’economia, dal livello attuale dei tassi di interesse globali e dal rendimento dell’economia neozelandese.

Con le prospettive economiche nazionali favorevoli, il dollaro australiano potrebbe rimanere forte e stabile nei confronti dell’AUD. Se l’economia australiana continua a registrare una performance elevata, il dollaro australiano potrebbe non subire pressioni eccessive contro l’AUD.

Comments are closed.